Training week #69 – Allenarsi dopo un infortunio al ginocchio

/, Training Week/Training week #69 – Allenarsi dopo un infortunio al ginocchio

Training week #69 – Allenarsi dopo un infortunio al ginocchio

Se praticate un’arte marziale oppure uno sport da combattimento è molto probabile che vi siate già infortuni al ginocchio. È uno degli infortuni più comuni all’interno delle comunità di BJJ e Grappling. I dati parlano chiaro: secondo l’ISTAT attualmente sono 17 milioni gli italiani che praticano sport e tra questi 300.000 finisce al pronto soccorso con una lesione del ginocchio.

Sono fresco di infortunio al ginocchio sinistro e vi assicuro che si può continuare a fare dell’esercizio fisico anche dopo aver subito un trauma.

Ma attenzione! È necessario seguire alcuni accorgimenti!

Innanzi tutto è indispensabile che vi rivolgiate ad un medico e che ascoltiate quello che vi consiglia di fare. Se vi raccomanda un periodo di riposo vuol dire che dovete staccare da tutte le attività sportive altrimenti rischiate di aggravare la vostra situazione. Ovviamente non tutti gli infortuni sono uguali: la riabilitazione a fronte di una frattura o di una dislocazione non sarà di certo uguale alla riabilitazione per la rottura dei legamenti.

Una volta che siete pronti per tornare ad allenarvi dovrete modificare la vostra routine includendo nel vostro allenamento questi 5 accorgimenti:

STRETCHING E FOAM ROLL

Ho il menisco lacerato e ho altri problemi al ginocchio tar i quali i legamenti ridotti a nulla… Il mio fisoterapista mi ha obbligato ad iniziare gli allenamenti sempre in maniera graduale. Inizio con dello streching ed utilizzo il foam roll: mi aiutano a distendere tutte quelle fibre muscolari che non uso a causa della mobilità ridotta della gamba. Ovviamente tutto questo va fatto prima e dopo l’allenamento!

Guardatevi il video di Mike Bidwell, un mito assoluto!

SALTATE IN SELLA

La bicicletta è perfetta soprattutto perché è una forma di cardio a bassa intensità, permette di lubrificare le articolazioni ed è anche molto comune nei programmi di riabilitazione. Le fondazioni per la ricerca sulle artriti raccomandano l’utilizzo della bicicletta soprattutto a chi soffre di osteoartrite. Mi raccomando! Non datevi al downhill! Quella è un’attività che stresserebbe le vostre ginocchia in maniera incredibile!

Il video è preso dal canale YouTube Chewjitsu

CONCENTRATEVI SULLA PARTE SUPERIORE DEL CORPO

È ovvio che un infortunio al ginocchio vi limiterà in tutta una serie di movimenti, ma è anche vero che potete concentravi sulla rimanente parte del corpo. Approfittate per lavorare la parte superiore del corpo. Affrontate gli esercizi con una mentalità protesa alla vostra incolumità. Se volete lavorare sulle gambe fatelo senza sovraccaricare e preferite gli esercizi senza carichi edcutilizzate il BOSU per lavorare sugli stabilizzatori.

 

RIPRENDETE GLI ALLENAMENTI PROGRESSIVAMENTE

Se siete abituati ad allenarvi 4 o 5 volte a settimana, la lontananza dal tatami è una vera tortura. Se il medico vi ha detto che potete iniziare nuovamente ad allenarvi vi avrà sicuramente precisato di riprendere in maniera graduale.

Iniziate con il ripasso di qualche tecnica che non vada ad agire sull’articolazione, di sicuro partire subendo delle chiavi al ginocchio non vi farà gioverà alla vostra ripresa…

Il rapporto che viene proposto è solitamente questo: se mancate dal tatami da quattro settimane dovete riprendere ad allenarvi al 50% per le prime due settimane, per poi passare al 75% per le successive due settimane. Se non vi allenate da più di 8 settimane mettetevi in testa che dovrete procedere in maniera ancora più lenta. Se seguite questi accorgimenti avrete maggiori possibilità di rimettervi in sesto senza infortunarvi nuovamente.

NUOTO

Sicuramente il nuoto è da sempre l’attività più consigliata per riabilitare le articolazioni. L’attività in acqua è a “gravità zero” ed è la maniera migliore per far lavorare i gruppi muscolari senza sovraccaricare l’articolazione infortunata. Il nuoto vi permette sicuramente di fare del cardio e di mantenervi in forma e nel contempo lavorerete sull’articolazione infortunata senza gravarci sopra.

L’opportunità di continuare un’attività sportiva di bassa intensità o che alleni senza mettere a rischio l’area interessata dall’infortunio, deve essere valutata con l’aiuto di un medico specializzato in traumatologia sportiva.

Non esagerate mai!

Se avete bisogno di un personal trainer o un massaggiatore chiedeteci pure!

Al BullDogClan abbiamo tutto quello che vi può tornare utile per migliorare le vostre performance sportive e fisiche.

 

Condividi!

By |2019-03-23T09:31:11+01:00Marzo 23rd, 2019|BJJ, Training Week|0 Comments

About the Author:

Alessandro Panettieri ha passato la maggior parte della sua vita tra tatami e sacchi. Ha prima imparato e poi ha iniziato a formare atleti, negli ultimi dodici anni ha fatto solo quello. Nel 2004 fonda il BullDogClan, aprendo la prima struttura di Bologna dedicata alle MMA ed al BJJ.