Training week #67 – 5 buoni motivi per stare lontani dallo zucchero

/, Training Week/Training week #67 – 5 buoni motivi per stare lontani dallo zucchero

Training week #67 – 5 buoni motivi per stare lontani dallo zucchero

San Valentino è passato, avete fatto scorpacciate di cioccolatini e dolcetti? Quindi mi state dicendo che avete abusato di zucchero?

Ormai tutti noi sappiamo che lo zucchero fa male alla salute. Ma che cosa succede al nostro corpo quando mangiamo lo zucchero?

Innanzi tutto diciamo che il nostro corpo produce energia a partire dai tre macronutrienti: lipidi, proteine e carboidrati.

I carboidrati sono formati da molecole di zucchero e si dividono in carboidrati semplici, quelli che troviamo all’interno dei dolci e dello zucchero bianco, e carboidrati complessi che sono quelli presenti nei cereali integrali e nelle verdure.

Quando sentiamo dire che lo zucchero che fa male alla salute, ci si riferisce sempre al classico zucchero bianco e i carboidrati semplici presenti nei dolci e nella farina bianca. I carboidrati complessi vengono metabolizzati in modo completamente diverso e sono una fonte di energia utile e salutare.

Per farla breve è meglio stare lontani dal classico zucchero, e vi diamo 5 buoni motivi.

LO ZUCCHERO FA INGRASSARE

Mi sembra scontato dire una cosa del genere, ma sappiamo il perché? Andiamo per gradi:  l’organismo scompone tutti i carboidrati nei loro singoli elementi costitutivi, una volta fatto ciò quel che resta è il glucosio. Il glucosio viene metabolizzato grazie all’insulina e l’insulina garantisce l’apporto di zuccheri alle cellule sotto forma di energia.

Più zuccheri mangi, più insulina verrà prodotta. Un consumo eccessivo di zuccheri altera il livello di insulina nel sangue facendolo aumentare drasticamente. Questo fenomeno è pericoloso per due motivi. Per prima cosa l’insulina riduce la combustione del grasso corporeo. Secondariamente, dopo aver raggiunto l’apice, il tasso di insulina scende velocemente al livello minimo con la conseguenza di causare un nuovo attacco di fame. Praticamente si crea un circolo vizioso che ci porta ad assumere zuccheri continuamente, aumentando il nostro apporto calorico giornaliero.

 

LO ZUCCHERO CREA DIPENDENZA

Lo zucchero assicura il rilascio di dopamina nel sistema di ricompensa del cervello. All’ormone della felicità è dovuto il buon umore e i sentimenti di allegria purtroppo, però, questo stato dura solo per un breve periodo di tempo e non appena l’effetto si esaurisce, il cervello ne chiede nuovamente. Questo innesca un circolo vizioso che ti porta a mangiare sempre più zucchero.

 

LO ZUCCHERO FA AMMALARE

Lo sappiamo tutti: sovrappeso, diabete di tipo 2 e carie sono i celeberrimi pericoli a cui va incontro chi mangia troppo zucchero. Gli studi sottolineano che una quantità eccessiva di fruttosio concentrato favorisce la formazione di grasso, invisibile ma nocivo, che si deposita tra gli organi e intorno ad essi. Il fruttosio isolato, che viene utilizzato per dolcificare le bevande a base di frutta e i dolci, inibisce anche la secrezione dell’ormone leptina, responsabile del senso di sazietà.

 

LO ZUCCHERO NON HA VALORE AGGIUNTO PER IL TUO CORPO

Nel corso dell’evoluzione, i diversi tipi di zucchero rappresentavano fonti imprescindibili di energia ma oggi è diverso. Il nostro corpo può produrre glucosio da una varietà di fonti di energia sane e, in senso stretto, non ha bisogno di un apporto esterno di zucchero. Inoltre, i dolciumi, le bevande analcoliche, la farina bianca e simili non hanno praticamente alcun valore nutrizionale aggiunto.

E INVECE I CARBOIDRATI COMPLESSI?

Il caso dei carboidrati complessi è diverso. Essi ti forniscono anche fibre e minerali e vengono rilasciati nel sangue lentamente. Non hanno, quindi, gli stessi effetti negativi dello zucchero raffinato e andrebbero inseriti in ogni dieta.

Soprattutto chi pratica sport di resistenza  ha bisogno di energia velocemente disponibile e dovrebbe, quindi, prediligere i carboidrati complessi come fonte energetica.

 

LO ZUCCHERO INVECCHIA IL TUO ASPETTO

Se mangiamo troppo zucchero in una sola volta, il nostro corpo non è in grado di trasformarlo tutto in energia, quindi le molecole in eccesso vanno a legarsi alle proteine che sono responsabili dell’elasticità della pelle. Conseguenza: rughe antiestetiche.

Inoltre tutti questi composti di zucchero e proteine si legano anche ai recettori delle cellule immunitarie e vanno a provocare infiammazioni cutanee unitamente ad una cattiva irrorazione della pelle. Quindi: più zucchero ingeriamo e più brutta sarà la nostra pelle.

 

LO ZUCCHERO NON È TUTTO UGUALE

Esistono differenti tipi di zucchero che vengono differenziati tra: zuccheri singoli, doppi(disaccaridi) e multipli (polisaccaridi) in base alla struttura chimica della molecola. I più comuni sono i carboidrati semplici ed i carboidrati complessi.

I CARBOIDRATI SEMPLICI

Gli zuccheri singoli e doppi vengono metabolizzati e utilizzati immediatamente, ecco perché sono definiti “semplici”. Lo zucchero bianco classico, quello che viene ad esempio utilizzato nei dolci, è doppio ed è composto da due zuccheri semplici: glucosio e fruttosio. Ogni volta che viene ingerito, il nostro corpo lo separa in questi due componenti per produrre energia. Che si tratti di zucchero bianco o di canna non fa una grande differenza.

IL FRUTTOSIO: L’ECCEZIONE

Il fruttosio, noto come lo zucchero della frutta, è uno zucchero semplice presente per natura nella frutta. In sé non è meno critico dei classici zuccheri semplici ma la differenza la fa la combinazione: la frutta contiene, infatti, anche vitamine e fibre alimentari che impediscono allo zucchero di raggiungere il fegato troppo rapidamente. Quindi: frutta sì! Succhi e frullati fatti con concentrati di frutta e fruttosio aggiunto, no!

I CARBOIDRATI COMPLESSI

I carboidrati complessi sono carboidrati con una struttura molecolare più complessa rispetto agli zuccheri singoli e doppi ed il nostro corpo li scinde lentamente. Quale vantaggio abbiamo? Il glucosio viene rilasciato nel sangue in modo più graduale rispetto agli zuccheri semplici ma costantemente. A differenza degli zuccheri semplici, quindi, i carboidrati complessi non solo forniscono energia veloce, ma ci sostentano in modo uniforme per tutto il giorno.

 

QUANTO ZUCCHERO SI PUÒ CONSUMARE?

Molto poco. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) solo il 5-10% delle calorie giornaliere devono essere assunte sotto forma di zuccheri. Si tratta di circa 6 cucchiaini, inclusi miele, prodotti da forno e simili. Una comune barretta al cioccolato spesso soddisfa l’intero fabbisogno giornaliero di zucchero. Detto questo provate a pensare quanto zucchero assumete nell’arco di una giornata.

IN BREVE

  • Il classico zucchero bianco presenta gravi svantaggi per la salute.
  • Il fruttosio isolato non è più sano dello zucchero bianco, se vuoi della frutta mangia un frutto intero.
  • Lo zucchero dei carboidrati complessi, se mangiato in misura moderata, non presenta svantaggi per la salute ed è una fonte energetica sana.
  • Se hai fame, le barrette proteiche sono l’alternativa perfetta alle torte e alle tavolette di cioccolato.

Ricordatevi di seguire uno stile di vita sano e soprattutto dedicatevi ad una attività sportiva, al BullDogClan e al The Kave troverete corsi di MMA, BJJ, ThaiBoxe, CrossTraining e Krav Maga.

Visitate il nostro sito e non dimenticare di dare un’occhiata anche al The Kave!

 

 

Condividi!

By |2019-02-18T09:26:19+00:00febbraio 18th, 2019|Healty Food, Training Week|0 Comments

About the Author:

Alessandro Panettieri ha passato la maggior parte della sua vita tra tatami e sacchi. Ha prima imparato e poi ha iniziato a formare atleti, negli ultimi dodici anni ha fatto solo quello. Nel 2004 fonda il BullDogClan, aprendo la prima struttura di Bologna dedicata alle MMA ed al BJJ.